IL MIO MONDO

La strada, quella che scorre dietro ai passi, quella fatta di attimi immensi e sfuggenti, capaci di contenere musica e giochi. Evoluzioni che rubano uno sguardo, l’accenno di un sorriso. La strada ma anche un cortile o la loggia di un antico castello come un teatro, una platea di spettatori talvolta frettolosi, un camerino arrangiato zeppo di costumi, trampoli e oggetti bizzarri.

Ecco un piccolo frammento del mio mondo.